Mongolia.it
INNO
2.925 tugrik = 1 euro



Brigitte, la regina
del Kaffee di Ub

Ogni visitatore che sia stato a Ulaanbaatar conosce l’Helmut Sachers Kaffee della pasticceria tedesca sopratutto perché, fino a una decina d'anni fa, era l’unico locale per fare colazione la mattina presto. Seguendo il suo esempio, aprirono poi tanti altri piccoli locali e ristorantini che servivano anche la mattina, ma l'Helmut Sachers Kaffee è stato il primo. Pubblicizzato su tantissimi siti web turistici stranieri e locali, incluso Lonely planet e il Tripadvisor, giornali e  brochure per i turisti , il Caffè deve la sua fama non solo all’altissima qualità dei suoi prodotti. Helmut Sachers Kaffee nel pieno centro storico di UB è di Brigitte Cummings, la meravigliosa signora tedesca  che importò il vero gusto e la classe della pasticceria di alto livello  a Ulaanbaatar ormai più di un decennio fa. La chiamano anche Brighitta perché in più  parla un ottimo italiano!  Bisogna anche dire che ognuno che passa da Brighitta ha una tenera compagnia della sua dolce piccola cagnolina Bella!
Presidente del Rotary Club della Mongolia, membro di Rotary Club di Hong Kong, membro della International Women Society of Mongolia, ha sempre grandi impegni non solo in Mongolia. Nonostante tutto, ha accettato il mio invito per il nostro Gran Galà  La Cenerentola,  è venuta direttamente dalla Mongolia  a Roma per assistere  esclusivamente al nostro Evento di Red Carpet  presso il prestigioso centro culturale nel chiostro del  palazzo Chigi di  Formello.


Cara Brigitte, ti conosco da tempo ormai. Potresti raccontare ai nostri lettori come hai preso la decisione  di andare a vivere in Mongolia, quale  fattore  giocò  il ruolo  più importante per prendere questa decisione?  All’epoca non c’erano tanti stranieri per fare  business a UB, e poi perché una caffetteria , tutto mentre la Mongolia attraversava un momento di  crisi tremendo?

In realtà non avevo in mente  di venire in Mongolia,  decisi all’ epoca mentre ancora vivevo a Hong Kong che non sarei mai  ritornata in Germania o sulla Costa Est degli Stati Uniti,   da dove veniva mio marito a causa del clima.. Ero fin troppo abituata al clima caldo di HK e non  mi andava assolutamente di tornare a vivere  dove era più freddo. Invece , guardate dove sono finita: in una delle città  più fredde del mondo!
Non  volevo  effettivamente aprire una attività: ma  amico taiwanese  un uomo di affari, coinvolto in un  business semi industriale , della nostra compagnia  in HK, mi chiese se avessi  voluto di entrare in un suo business che progettava all’ epoca in Mongolia. Diceva che UB sarebbe diventato una “ nuova Dubai” con n una economia brillante e che aveva trovato ottimi  partners- investitori, così   avrebbe avuto un gran senso  stabilire una compagnia, una  holding neutra  di HK  li, a UB.
I mongoli avrebbero dovuto  sapere quale  sarebbe stato il miglior  modo di investire  soldi, ci furono tantissime discussioni ed incontri con il mio amico, che era l’investitore più grande e alla fine presero la decisione di aprire un forno- pasticceria. Io , sinceramente , non ero al corrente dei  dettagli degli incontri e  delle negoziazioni ,  e seppi che tutti gli elettrodomestici e l’equipaggiamento furono  acquistati insieme da uno specialista – istruttore  per insegnare come si fa il pane  etc.  Ero molto curiosa di vedere l’esotica Mongolia, e  avevo chiesto se potevo andare a vedere   nel   successivo viaggio di business, quello fu il Settembre del 1997, e il forno e la pasticceria già  lavorava da sei mesi .Con  grande tristezza,avevamo scoperto che le cose non andavamo per niente bene, e che  i partner  mongoli ci chiedevano “perché  la pasticceria ?” Dicendo che non era possibile  diventare i ricchi con  tale business. All’ inizio sembravano  essere soprattutto loro interessati nell’ aprire una pasticceria, perché ne io e ne il mio amico  effettivamente sapevamo come sfornare il pane o fare  dolci, ma come procedere con il business. Così io diedi tanti consigli su come fare e cosa cambiare  per andar avanti, e quando ritornai un mese dopo, niente di  tutto ciò fu fatto. In questo affare era coinvolta un'altra persona, che sarebbe diventato il manager , perché i nostri partner non potevano  seguire personalmente le procedure di ogni giorno. Così dopo un pò di tempo mi resi conto che così non poteva andare proprio, e per evitare i costi dell’hotel, comprai un appartamento a UB. Il nuovo partner non era assolutamente adeguato  al nostro lavoro , e così gli chiedemmo di uscire dal nostro business. Quindi c’era  bisogno di  un manager, perché non era possibile  vendere i prodotti nei vari mercati aperti o negozi, ci voleva un vero e proprio posto dove produrre e  vendere insieme.  Inoltre  ci doveva essere una più grande varietà dei prodotti   e di migliore qualità. Per questa ragione tramite il Governo tedesco trovai alcune persone specializzate per insegnare al nostro staff  come produrre  dolci  di alto livello. Avevamo anche  bisogno di servirli insieme ad  un buon caffè. Così avevamo acquistato un ottimo posto dove servire , e poi un paio d’anni dopo abbiamo comprato un altro posto proprio affianco al primo  dove sfornavamo direttamente il pane e i dolci e allo stesso tempo c’era la possibilità di poter gustare il tutto comodamente seduti. A questo punto, si poteva andare avanti senza il management da parte dei manager della Mongolia, e decisi  di prendere tutto io e rimanere a vivere qui in Mongolia.
Quindi quanti anni sono passati? Ormai più di 17 da quando decisi di venire a vivere qui.


So che da bambina hai vissuto in Italia?

Effettivamente, non ero proprio una bambina, avevo già 17 anni, ed ero venuta a studiare la lingua italiana  all’Università per gli Stranieri a Firenze, dove  mi sono anche diplomata, ma tutto ciò fu così tanto e tanto  tempo fa!  Dopo il diploma,  andai a lavorare in un hotel di lusso sull’ isola di Ischia e quello fu un bellissimo periodo per me!

Sei stata da poco a Roma dopo così tanto anni, quale è stata la tua impressione sulla città dopo tutto questo tempo?

Ero giovanissima quando visitai Roma , dopo il mio lavoro estivo a Ischia venni a visitare questa città prima di ritornare in Germania.Che grande cambiamento: Roma si è espansa tremendamente, è una città immensa  ma è bellissima con i  suoi monumenti storici,  meravigliosi!  Adoro il fatto che alcuni palazzi o alcune  strade abbiano più di 2000 anni, è evidente che i romani sapevano come costruire visto che le loro opere sono arrivate ai nostri giorni,  dopo  secoli! Vorrei che qualcuno in Mongolia sapesse  costruire le strade in questo modo, c’è da imparare!
Vorrei spiegare il perché sono andata a Roma:  l’unico motivo e ragione  era  il favoloso invito della mia carissima amica Ayana, che conosco ormai da anni!  Lei e la sua piccola cagnolina ed io con il mio cane grande  Dalmata ci incontravamo sempre mentre facevamo uscire i  nostri cani di fronte alla nostra casa. Anche se i cani non diventarono  amici , lo siamo diventate noi!  Fui  abbastanza fortunata di essere introdotta nella sua famiglia,  nonostante  la  mia conoscenza della lingua mongola non fosse sufficiente,  fui  orgogliosa di riuscire a capire che gli anni di studi per il canto di Ayana durante la crisi in Mongolia furono  molto  difficoltosi. Quindi quando Ayana   si esibì in  concerto durante il suo  ritorno a casa in Mongolia fui contenta di essere stata invitata  a salire sul palco per  raccontare  al pubblico di come fosse stato difficile  seguire  gli studi  di canto  e soprattutto arrivare ad  un così alto  livello.
Lei non era l’unico talento musicale con il  quale io sia  mai stata coinvolta, quindi  sapevo che  aveva bisogno del mio  sostegno e del mio incoraggiamento  per non farla arrendere.
Come vedete, lei non si arresa mai! Così  quando Ayana mi chiese di venire a questo  Gran Galà , sapendo che  i suoi amati nonni non ’erano più in questo mondo, decisi che  dovevo venire assolutamente partecipare, inoltre  la mia curiosità e l’amore per la musica  si sono aggiunti da se per accettare l’invito immediatamente.
Ayana non era l’unica cantante brillante, ma è riuscita a portare anche altri bravissimi talenti della Mongolia  Questo paese  ha vari  cantanti d’opera, e il Gran Galà è sempre la prova che questi artisti,  hanno davvero qualcosa da proporre  e possono  cantare collaborando  insieme ai cantanti italiani nella culla della Opera Lirica, l’Italia!
L’evento è stato davvero meraviglioso, nell’ atmosfera incredibile creata dal luogo stesso, perciò  credo assolutamente , chiunque abbia partecipato  al concerto non scorderà  mai quest’evento!
Ringrazio Ayana  per la sua  incredibile forza interiore,  per essere arrivata a questo punto della sua carriera e per avermi voluta vicina  in quel momento speciale  della sua vita.

Chi  furono i primi clienti del tuo bellissimo caffè?

I miei primi clienti furono  tedeschi,  felicissimi di ritrovare a UB una vera  pasticceria della Germania: il pane,  i dolci e anche un buon caffè ! Quindi , la voce si  sparse velocemente . Comunque , non solo i tedeschi, c’erano anche i mongoli, specialmente quelli che avevano studiato  in Germania  dell’Est.  Loro erano felici di ritrovare i dolci e il pane che amavano  mentre studiavano lì.
 

Cara  Brigitte, so che ami partecipare ad eventi importanti  ma che anche tu   organizzi  degli eventi da sola e che  in questo modo conosci praticamente tutte le persone importanti di UB.  Che cose si può  dire della società di oggi della Mongolia ?
 

La Mongolia  è cambiata  tantissimo  dal  1997, all’ epoca c’era pochissima gente straniera che viveva o lavorava qui. C’è stato uno boom incredibile  dopo che si è  attivata l’industria delle miniere, e all’ improvviso negli ultimi 8 anni c’è  stato un periodo di  grandi costruzioni, esploso dappertutto, facendo apparire il territorio  totalmente nuovo in tutte le direzioni. Infatti  la città tranquilla, serena e un po’ addormentata di una volta non esiste più.
Poi sono arrivati i nomadi  che hanno lasciato  la campagna , e così   sono cresciute  intere zone di gher  tutto intorno la città. Poi ,  tante persone di città hanno deciso di costruire  case in periferia  cosi  in poco tempo la popolazione è cresciuta almeno tre volte da quella che era nei vecchi tempi.
Comunque , i giovani di oggi sono molto diversi dalla gente che ha vissuto nei tempi del regime  protettivo e  il controllo socialista . A scuola i bambini imparano l’Inglese invece del Tedesco … dovrei dire non così bene, perché non tutti gli insegnanti sono di alto livello, perciò solo i bambini che vanno alle scuole internazionali parlano l’inglese perfettamente.
Successivamente sono stati aperti molti  uffici dedicati all’industria mineraria e  anche  nuovi ristoranti.  Tuttavia  in questo momento    c’è stato un cedimento nell’attività di estrazione mineraria e di conseguenza anche un abbandono da parte delle persone che ne facevano il  loro lavoro.. Al momento l’ 80 percento del business straniero è andato via fino al prossimo boom minerario,  ne sono sicura, perché ci sono ancora tante risorse minerarie non esplorate.


Potresti dire qualcosa a riguardo l’ International Women Society of Mongolia? Quando fu fondato?

Purtroppo, la società non è cosi forte come per esempio 10 anni fa,  soprattutto perché tante donne hanno dovuto andare via  o ritornare  nei  loro paesi  dopo che il loro lavoro qua era finito.
 

Il museo più amato a UB? Perché?

Io amo il bellissimo Museo di Storia , è un posto fantastico! E poi anche il Museo di Zanabazar, dietro l’angolo della mia casa, piena d ‘arte meravigliosa!


Quindi , la vita della città e  la vita di campagna, che cosa si può dire su questo argomento?

UB è una grande città ormai, con i suoi problemi tipici: il traffico tremendo, per fortuna non ci sono più  tanti bambini di strada, comunque ci sono i problemi dei piccoli ladri e ladruncoli, ma la città sta diventando più verde, e le persone cercano  di farla sempre più moderna. Ci sono sempre più aiuole con i fiori in estate, e ci sono tante  zone verdi. Ma sempre e comunque, direi che la vera bellezza  della Mongolia è la campagna, con  i suoi paesaggi immensi e diversi uno dall’ altro, veramente spettacolari! La gente di campagna è molto ospitale per i visitatori. Si può andare migliaia e migliaia di chiilometri senza incontrare nessuno,  nessun centro abitato, e osservare la  natura selvaggia e libera   che ti scorre intorno. È spettacolare! Non c’è un posto simile nel mondo! Un paese così grande con solo 3 milioni di persone!

Come influisce la modernizzazione della Mongolia di oggi  sulla  società?

Certo , ogni paese deve adattarsi ai cambiamenti , anche se  non è sempre una cosa positiva. Le piccole e belle cittadine diventano industrializzate, e le bellissime  e incantevoli gher vengono sostituite da terribili palazzi. Ci sono sempre più TV e   canali radio, quindi si può tranquillamente ascoltare  radio e tv di inglesi direttamente dal Regno Unito,  la gente di campagna usa i panelli solari e  le antenne satellitari, quindi  sono molto ben collegati con il mondo. Dovrei aggiungere, che quel che mi piace è che ci sono così tanti e bei  campi turistici  per  visitare la campagna,  il cibo è davvero molto buono e i piatti di altissimo livello internazionale.

Grazie di cuore, cara  Brighitta per la bellissima intervista e il tempo dedicato a noi... Sono sicura che le persone italiane che vorranno visitare la Mongolia  sicuramente andranno a  trovare il famoso Sacher’s cafè nel centro storico di Ulaanbaatar.