BIBLIOGRAFIAFEDERICO PISTONE

Vai ai libri su altri temi

  Libri sulla Mongolia  

MONGOLIA
L'ultimo paradiso
dei nomadi guerrieri (II edizione)
di Federico Pistone
Ottobre 2010, Polaris, 448 pagine 13x21 cm, 30 euro
Versione nera da collezione: 32 euro


Seconda edizione, arricchita ed aggiornata, della guida dedicata alla Mongolia da Federico Pistone, giornalista del Corriere della Sera e grande appassionato di questa terra tutta da scoprire. Informazioni dettagliate sugli itinerari da affrontare, ma anche riflessioni, approfondimenti, incontri per leggere la Mongolia come in un grande racconto (vedi dettagli nella scheda della versione 2008)

Dall'introduzione: "Proprio la Mongolia generò l'impero più vasto di sempre, guidato da Gengis Khan, un condottiero eccezionale per intraprendenza e tolleranza, riscattato dagli storici ed eletto 'uomo del millennio' dal Washington Post, non dal Mongol Messenger. Siamo nel corridoio dove le culture del mondo hanno incrociato arti, filosofie, religioni, mercati, favoriti dalla pax mongolica, un bel sogno medievale, tramontato con la decomposizione dell'impero dei khan. Una terra così importante che, nonostante le umiliazioni successive e i ricatti internazionali, ha mantenuto la sua purezza nomade, una cultura mistica e sciamanica: un vero miracolo in un pianeta alla deriva culturale, sociale e ambientale".

MERIDIANI MONGOLIA
di Federico Pistone, Elisabetta Lampe, Elena Bianchi e Aa.Vv.
Febbraio 2010, Editoriale Domus, 146 pagine, 6,20 euro

Dalla prestigiosa collana Meridiani un numero monografico dedicato interamente alla Mongolia.
Un gioiello editoriale che racconta la realtà di questa terra straordinaria attraverso attenti e brillanti reportage e le immagini più spettacolari.
Vedi maggiori dettagli nella sezione Articoli

Incipit dell'articolo di Federico Pistone "Il ritorno dello sciamano": Bogdkhan uul, secondo i parametri dell’orografia, è una montagna a tutti gli effetti visto che oltrepassa i duemila di quota. Ma per chi la vede da Ulaanbaatar sembra una collina, perché parte dal “vantaggio” dei milletrecento metri di altitudine della capitale. Per i mongoli è una vetta sacra, come le altre che abbracciano la città, una per ogni punto cardinale: Chingheltei a nord, Bayanzuurkh a est, Khairkhaan a ovest e Bogdkhan, appunto, a sud, l’orientamento più importante. Ogni tenda nomade (la leggendaria gher) ha l’apertura rivolta a meridione perché, per tradizione sciamanica, quella è la direzione verso le terre buone, benedette dagli dei e dagli antenati ma soprattutto riscaldate dai venti del Gobi che mitigano l’aria glaciale della Siberia. Anche per questo, Bogdkhan uul, la vetta del sud, è la montagna degli sciamani. (...)

MONGOLIA
L'ultimo paradiso
dei nomadi guerrieri
di Federico Pistone
Luglio 2008, Polaris, 448 pagine 13x21 cm, 30 euro
Versione nera da collezione: 32 euro


Una guida per conoscere l'anima profonda di questo paese straordinario. Per gli amici di mongolia.it un prezzo speciale e in più un aiuto concreto ai bambini della Mongolia.
Vedi dettagli iniziativa e recensioni

Dall'introduzione: "Raccontare della Mongolia è un piacere, compilare una guida è pura incoscienza. Accetto la sfida perché posso contare sull'aiuto e la severità dei miei amici mongoli, gente forte e leale, che mi hanno permesso di esplorare anche dove non sono arrivato. Questa terra ha il potere di sorprendere, disorientare, inquietare, affascinare, attrarre. Il mio passaporto è ormai una foresta  di visti dai timbri listati con l'antico alfabeto uiguro. Solo il gusto di collezionarli vale la spesa. Ma il bello è che poi si parte anche. E l'incanto è servito".

SALIK
Il piccolo vento della steppa
di Federico Pistone
illustrazioni di Cristiano Lissoni
2005 Hablò, 108 pagine 12,80 euro

Una favola per bambini (e per adulti), protagonista un giovane vento che vive avventure incredibili e commoventi nelle steppe della Mongolia.
Vedi pagina con dettagli

Incipit: "Nel cielo ci sono sette aquile, sette nuvole e sette arcobaleni. Giocano a rincorrersi. Io devo dare il via alla gara con un soffio. Quando uno è preso, cambia cielo. Vince l'ultimo che resta, e può richiamare i suoi compagni. Poi tanto tornano tutti, perché è solo un gioco. Vivo in questa terra magica e allegra, dove lo spazio è senza fine e il tempo non esiste".


Clicca per ascoltare l'incipit letto dall'autore

UOMINI RENNA
Viaggio in Mongolia fra gli Tsaatan
di Federico Pistone
2004 EDT, 90 pagine, 9,50 euro
Il racconto intimo e avvincente della spedizione in Mongolia, dalla capitale fino alle regioni più remote, a stretto contatto con una delle etnie più misteriose del pianeta.
Vedi pagina con dettagli

Incipit: "Dice di avere cinquantatré anni, ma il viso graffiato dal gelo e gli occhi velati dalla congiuntivite gli consegnano un fiero aspetto da ottantenne. Quando smonta da cavallo, Gombo è un mezzo uomo che si trascina a compasso sulle gambe arcuate, come un soldatino staccato dal supporto equestre. Appena si rimette in sella, torna a essere un animale mitologico, perfetto. Spalanca la bocca in una risata a tre denti, due in basso a destra, uno in alto a sinistra. Il cuoio rosso della faccia si tira fino quasi a spaccarsi".


Clicca per ascoltare l'incipit letto dall'autore

LA RAGAZZA CON L'ARCO
racconto di Emanuela Audisio e Federico Pistone
da "Tutti i cerchi del mondo"

2004 Mondadori, 170 pagine, 13 euro
La storia di una giovane nomade mongola, abilissima arciera, che decide di trovare gloria negli Stati Uniti ma viene sopraffatta dalla nostalgia per la sua terra d'origine.
Clicca qui per leggere l'intero racconto

Incipit: "Amar intinse l'anulare dentro la grande tazza di airag, latte di cavalla fermentato. Schizzò una goccia verso ogni punto cardinale per ringraziare gli dei e finalmente trangugiò il latte. Gettò un sorriso alla moglie Doripalam, pensando che quel nome, "diamante", nell'antica lingua tibetana, era proprio azzeccato. Forte e bellissima, quella donna appena diciottenne gli stava consegnando il dono più atteso: il primo figlio".

TSAATAN
Gli Uomini renna della Mongolia
di Federico Pistone e David Bellatalla
2000 Periplo-Les Cultures, 112 pagine 90 pagine, 26 euro
Un libro di immagini e sentimenti lungo l'antica rotta degli Uomini renna. ll ricavato di questa pubblicazione ha contribuito alla sopravvivenza di questa popolazione.

Incipit: "Questa è Darigii e ha sei anni. Lui è Jultii, due anni. Quella bianca è Borohichii, va per i sei. Sono renne ma Tsendeli le presenta come fossero i suoi figli. Tsendeli è la moglie di Gombo, capo degli Tsaatan, antica popolazione nomade di origine turco-altaica che vive - sopravvive - all'estremo nord della Mongolia, sul bordo della Siberia".

  Libri su altri temi  



INTER - LA LEGGENDA
Dalle origini a Thohir

di Federico Pistone
Settembre 2014, Sperling & Kupfer
324 pagine, 16,90 euro

(disponibile anche in ebook)

Dalle origini a Thohir, la leggenda nerazzurra raccontata come un romanzo, avvincente ed emozionante. Una "storia infinita" illuminata dalle due Grandi Inter, quella di Helenio Herrena negli anni Sessanta e quella del "triplete" di Mourinho, da Moratti (Angelo) a Moratti (Massimo), fino alle strategie manageriali del nuovo presidente indonesiano. Una squadra "pazza" - l'unica ad aver sempre giocato nella massima serie e ad avere vinto tutti i titoli possibili in un'unica stagione - che ha fatto innamorare milioni di sostenitori in tutto il mondo, ma li ha fatti anche soffrire e aspettare ai limiti dell'esasperazione. Il libro è simbolicamente dedicato proprio a Thohir, perché possa conoscere la "leggenda" che si è comprato, fargli capire l'importanza di questo club che non è solo un'azienda da gestire ma un vero e proprio capitale di affetti e di storie straordinarie. Come in una magica macchina del tempo, il lettore rivivrà trionfi, magie e speranze degli ultimi anni per poi sorvolare, in un entusiasmante flashback dalla fondazione del 1908 a oggi, i personaggi e gli eventi che hanno reso straordinaria e unica l'avventura nerazzurra.



I SEGRETI DEL BOOKMAKER
Scommettere sullo sport e iniziare a vincere
di Federico Pistone e Antonio Saikali
2014, Sperling & Kupfer
1,99 euro
(ebook). Scarica qui

"Un manuale sincero per smettere di perdere al gioco, per iniziare a vincere qualcosa e per provare a guadagnare con continuità. Un giornalista che capisce di calcio e che si diletta a «puntare poco e bene», ha coinvolto il «re dei bookmaker» (anche se a lui non piace essere chiamato così) in questa avventura: scrivere a quattro mani un libro che spieghi le scommesse sportive. Tanti consigli, niente trucchi e niente inganni. E una regola da ricordare sempre: quello delle scommesse deve rimanere solo un gioco; un passatempo che è, innanzitutto divertimento e che può fruttare anche un piccolo profitto. Con l'aiuto di un bookmaker esperto del calibro di Antonio Saikali e di un ottimo divulgatore (e giocatore) come Federico Pistone, imparerete che quando si punta su un evento sportivo non si deve fare affidamento sulla fortuna, bensì su calcoli e ragionamenti che andranno a volte a scontrarsi con il volere della dea bendata. In questo manuale imparerete il linguaggio degli allibratori, a organizzare le vostre puntate, la mentalità dei professionisti e soprattutto scoprirete quali e quante sono le scommesse stupide e a non inseguire i miraggi delle combinazioni vincenti. Ecco dunque svelato come le agenzie «fanno» le quote insieme a tutti i suggerimenti per battere il banco e portarsi orgogliosamente a casa un piccolo gruzzolo. Scommettiamo che imparerete qualcosa?".





PRIMA PUNTATA
Scommettere sul calcio legalmente e divertendosi
di Federico Pistone
Agosto 2011, Rcs - Gazzetta dello Sport
192 pagine 5,99 euro


C'è anche un pizzico di Mongolia nel libro "Prima puntata - Scommettere sul calcio legalmente e divertendosi" di Federico Pistone, in edicola per due mesi in allegato alla Gazzetta dello Sport (5,99 euro). Come si legge nella biografia in terza di copertina, dove l'autore è immortalato insieme a un sorridente bambino mongolo, "Federico Pistone scrive per le pagine sportive del Corriere della Sera e collabora con la Gazzetta dello Sport. Ha pubblicato il volume ufficiale per i 100 anni dell'Inter e, per Rcs, il libro del Mondiale in Sudafrica. E' anche autore di racconti di viaggio, finalista del premio letterario Chatwin. La sua passione per la Mongolia lo ha portato a scrivere la guida sul Paese ("L'ultimo paradiso dei nomadi guerrieri"), una favola ("Salik, il piccolo vento della steppa"), un reportage sugli "Uomini renna" e ad aprire il sito mongolia.it. E' direttore della collana Polaris "Viaggi da manuale". Da quando ha cominciato a scommettere lavora meno e guadagna lo stesso".

Daniele Dallera, caporedattore del Corriere della Sera: "Prima puntata è una lettura divertente, un libro ben scritto, un'idea che funziona, ha pagine che coinvolgono il lettore, lo fanno riflettere presentandogli i rischi ma anche il sottile piacere della scommessa. Pistone detesta la martingala, un cocktail di giocate che fa sognare ma che spesso si trasforma in un incubo. Un consiglio finale - conclude Dallera -: meglio dare retta a Pistone perché si vede lontano un chilometro che con le scommesse lui si diverte e non si rovina. La scommessa è un pianeta a noi vicino, ma insidioso, "Prima puntata" è utile come passpartout per entrarci".



L'ATLANTE DEI MONDIALI
Guida ai campionati di calcio del Sudafrica
di Federico Pistone e Alberto Ricci
Maggio 2010, Polaris
256 pagine 16 euro
Collana Viaggi da Manuale, illustrazioni di Cristiano Lissoni,


Trentadue viaggi sorprendenti per scoprire quello che le guide non dicono. E' un avvincente diario per seguire partita per partita l'appuntamento in Sudafrica, lo spettacolo più coinvolgente del pianeta. la sfida è doppia: offrire ai malati di calcio una lettura più profonda attraverso i cinque continenti, e consegnare a chi si avvicina a questo sport solo ogni quattro anni una chiave per capirne la magia senza confini.

Incipit: "
Le vuvuzela rimbambiranno la platea mondiale quando l'11 giugno a Johannesburg il Sudafrica aprirà questi Mondiali, i primi nel continente africano. Carlos Alberto Parreira, commissario tecnico dall'ottobre 2009, è il primo a sapere che i Bafana Bafana ("i nostri ragazzacci" in lingua zulu) per quanto sostenuti dall'ossessivo incoraggiamento dei tifosi locali e delle loro insopportabili trombette, difficilmente andranno oltre l'incontro del 22 giugno a Bloemfontein contro la Francia che chiuderà la fase a gironi. Parreira ha costretto i suoi giocatori a rivedere "Invictus", il film di Clint Eastwood che Morgan Freeman (nel ruolo di Mandela) che esalta la vittoria del Sudafrica, al di là delle divisioni razziali, ai Mondiali di rugby del 1995 (...)"..

Corriere della Sera

MONDIALI - SUDAFRICA 2010
a cura di Domenico Calcagno,
Gianluigi Colin, Federico Pistone

Giugno 2010, Polaris
256 pagine 12,99 euro
Per prenotarlo clicca qui

Uno libro da collezione sul Mondiale di calcio sudafricano, curato dalla redazione sportiva del Corriere della Sera e in particolare da Domenico Calcagno e Federico Pistone, con la grafica di Gianluigi Colin e le splendide illustrazioni di Beppe Gacobbe. Il volume, ricchissimo di immagini e grafici, apre con l'editoriale di Mario Sconcerti. Federico Pistone firma anche le 70 pagine dedicate al "Mondiale girone per girone", Alessandro Bocci racconta "La nostra Italia", Fabio Monti ricorda la storia del Mondiale e Michele Farina ci porta alla scoperta del Sudafrica. Una guida preziosa.

Estratto dall'articolo su Cristiano Ronaldo: "
Al Manchester United gli hanno consegnato la maglia numero 7 di George Best, al Real Madrid il 10 di9 Alfredo Di Stefano. Cristiano Ronaldo sembra uno che le ha già passate tutte nella vita: trionfi, scandali, polemiche, crisi, rinascite. Poi guardi sulla carta d'identità e scopri che ha 25 anni. Il 'meninho' di Funchal rischia di rispolverare il 'fattore Eusebio': una perla in una squadra normale (...)" (Federico Pistone)


IL MESSAGGIO DI DUE TIFOSI SPECIALI
 

Ringrazio chi con infinita pazienza ha collaborato alla stesura di questo libro, in cui ogni minuto del nostro secolo è stato cercato e riportato.

Massimo Moratti (presidente Inter)


Caro Federico,
volevo scriverti in mongolo ma non ho trovato un dizionario. Ho qui il tuo libro sull’Inter: tu puoi andarne fiero. Non salterò neppure una pagina, sarà un piacere dolce come quei ricordi d’infanzia. Sei un amico che, come accade solo ai nerazzurri, gioca con la testa e vince con il cuore (e senza rubare!!!).
Complimenti, complimenti e bayarlalaa!!! Fausto

Fausto Brambilla (caporedattore Corriere della Sera) 
 

INTER
1908-2008: un secolo di passione nerazzurra
di Federico Pistone
introduzione di Massimo Moratti
Novembre 2008, Diemme
780 pagine, oltre duemila foto, 100 euro
(il 50% del ricavato va ai progetti umanitari di Inter Campus)


Un libro da collezione che non può mancare nella libreria di ogni tifoso nerazzurro. Oltre alla storia raccontata, il libro propone una sterminata galleria fotografica con immagini rare, inedite e spettacolari. Prodotto ufficiale dell'Inter, di circa 800 pagine a colori, con copertina in cuoio e fregi d'oro. Autore è Federico Pistone, giornalista, collabora alla redazione sportiva del Corriere della Sera. (Roberto Monzani - rivista "Inter Football Club" ottobre 2008)

Incipit: "
Quando una storia compie cent’anni o è vecchia o diventa leggenda. Anzi, un sogno bellissimo, come Massimo Moratti ha teneramente battezzato la sua Inter. La stella nerazzurra ha attraversato un secolo di passioni, gioie, turbamenti, amarezze, risalite, conquiste epiche, speranze rinnovabili alla scadenza. Oltre le vicende di cuore, ci sono dei punti fermi, da statistica, a raccontarci che l’Inter è l’unica squadra a essere sempre rimasta in Serie A, mai precipitata per demeriti o brogli in categorie inferiori, come altre storiche avversarie...".

IL PROFESSOR HU
racconto breve di Federico Pistone

finalista nel Premio Chatwin 2007 sezione "Storie di viaggio"

Pubblicato sul taccuino Moleskine 2008

Estratto: "Nonno mi spiegava che la polvere d'aglio, mescolata alle foglie di rododendro e assenzio, guarisce dalle malattie dell'inverno, dalla malaria e dai disturbi delle donne. Ne tenevamo un cartoccio nella credenza, con il resto riempivamo boccette da vendere di sabato al mercato di Lijang".

Clicca qui o sulla copertina a sinistra per leggere il racconto completo.

Nella foto a destra, l'autore visitato dal professor Hu nel laboratorio di Baisha (Yunnan, Cina)

GIAPPONE
L'antica terra dei samurai proiettata nel futuro
di Stefano Vecchia - foto Stefano Vecchia e Federico Pistone
Maggio 2008, Polaris, 400 pagine 13x21 cm, 28 euro

Paese di suggestioni antiche e di strabilianti sfide tecnologiche. Una guida per orientarsi nel Giappone di ieri, di oggi e di domani, a cura di uno dei più attenti osservatori di questo stato-continente.

L'autore: "Un ringraziamento particolare a Federico Pistone per la capacità di restituire attraverso le immagini la bellezza di questo paese".

BLUCELESTI
Cento anni di calcio a Lecco

di Federico Pistone e Alberto Ricci
Dicembre 2007, Correlazioni, 448 pagine 25x28 cm, 30 euro

L'avvincente romanzo di una squadra storica che ha conosciuto tre stagioni in serie A negli anni Sessanta, trascinata da campioni come Clerici, Lindskog, Nyers, Abbadie, Angelillo.

Incipit: "Un secchio verniciato di blu e di celeste. Nell'Ottocento gli operai del cantiere "Macao" lo usano per sciacquare le imbarcazioni ormeggiate al Lazzaretto. Così, nel 1897 la Società Canottieri Lecco, fondata due anni prima, decide di adottare la suggestiva combinazione cromatica. Secondo una versione più romantica, i colori sociali della Canottieri, ereditati poi dalla Calcio lecco, rappresentano la magica unione tra lago e cielo, uno scenario familiare per i nostri vogatori".

FERRARI OPERA OMNIA
di Federico Pistone e Aa. Vv.
Settembre 2007, Gazzetta dello Sport, 15 volumi da 286 pagine 23x29, 15, 99 euro cad.

La prodigiosa avventura della Rossa in un'opera realizzata dai più prestigiosi esperti, con immagini da collezione.

Incipit di Enzo Ferrari: "In questi anni più di una volta sono stato invitato a scrivere la storia del mio "caso", ma non ho aderito. La somma degli impegni quotidiani, che giudicavo improrogabili, non mi consentiva di pensare e riordinare nella memoria gli uomini, le cose,, i fatti che hanno determinato la vita e mi hanno con dotto a costruire automobili con il mio nome, ultimo atto dei sogni di un adolescente". 

LECCO, IL SUO LAGO, LA VALSASSINA
E LA VALTELLINA
di Federico Pistone, Daniela Monti e Alberto Ricci
1999 La Provincia, 256 pagine
 

Tra racconto e guida di viaggio per scoprire alcuni dei territori più spettacolari e ricchi d'arte e di natura del nostro Paese.

Incipit: "Un vecchio santone peruviano, Amerigo Yabar, dopo il suo primo viaggio lontano da casa, ha definito Lecco la città più spirituale di quelle incontrate in Italia: si era perfino spinto a paragonare la selvaggia maestà dei monti lecchesi a quella di Macchu Picchu e alcuni tratti del nostro lago al Titicaca. Qualche maligno potrebbe sospettare che tanta solitudine abbia abbia giocato brutti scherzi allo sciamano ma è forse vero che sono i lecchesi a non rendersi conto pienamente dell'incantevole scenario di cui hanno la fortuna di fare parte".

BLUCELESTI
Storia della Calcio Lecco
di Federico Pistone e Alberto Ricci
1997 Periplo, 192 pagine
 

Clerici anticipa di testa Facchetti e Picchi: nella copertina uno dei momenti più emozionanti della storia del Lecco, uno dei club protagonisti del calcio italiano, accompagnato sempre da grande passione popolare

Dal testo: "Ma il campionato di serie A si riapre il 12 marzo 1961, una data che i tifosi blucelesti più fedeli non dimenticheranno; mentre il Milan risorge superando la Juve, la capolista Inter di Helenio Herrera va in scena al Rigamonti davanti a ventiduemila spettatori, quanti ne contiene lo stadio (...). Il Lecco conquista una vittoria storica, preziosa anche perché consente di agganciare in classifica Udinese, Napoli e Torino. (...). L'Inter interrompe un cammino che sembrava incontrastabile".

ARTIGIANI
di Federico Pistone e Alberto Ricci
Introduzione di Luca Goldoni

1995 Cattaneo, 160 pagine
 

Storie dal mondo delle piccole imprese, dalle tradizioni radicate alle tecnologie più ardite, ma sempre all'insegna della creatività e della passione.

Dal testo: "Mio padre, come la maggior parte degli artigiani, aveva l'abitazione sopra il laboratorio. Lì, fin da piccolo, trascorrevo le giornate giocando a tagliare e inchiodare legnetti. Del periodo di guerra ricordo le casse da morto che ci ordinavano per i partigiani fucilati dai tedeschi: le chiamavano 'casse di povertà', venivano i necrofori del Comune a prenderle con i camion".