SALIKIL PICCOLO VENTO DELLA STEPPA

 

Racconto di Federico Pistone

Illustrazioni di Cristiano Lissoni

Editore: Hablò edizioni - collana Buiabès

Pagine: 108

Formato: 22x18Prezzo: 12,80 euro

 

 

...Vivo in questa terra magica e allegra, dove lo spazio è senza fine e il tempo non esiste. Nessuno qui porta l'orologio: quando il sole scende è ora di andare a dormire, quando il sole torna su è tempo di giocare e di lavorare, ma senza fretta...

 

 

...Papà si chiama Kurdan, che significa veloce, ed è il vento più potente della steppa. Mamma si chiama Odon, stella, ed è una brezza dolce che spira durante la notte per liberare il cielo dalle nuvole, così la luna e i pianeti possono guardare per bene quello che succede sulla Terra...

 

 

..."Riesci a capirmi?", ripete il bambino. Per dirgli di sì, gli scompiglio i capelli tutti verso destra. "Chi sei? Uno spirito malvagio?". Per dirgli di no, glieli sposto a sinistra. "Sei forse un vento?". Sì, capelli a destra. "Un vento adulto?". No, capelli a sinistra...

 

 

...Gli spiriti davvero non fanno rumore. E sono molto brutti. Gli altri non lo possono vedere perché i fantasmi sono anche invisibili. Ma io sì. E' magro e bianco, ha gli occhi sottili e rossi, la barbetta come una capra, la faccia aguzza e le dita lunghe e appuntite come coltelli...

 

 

...Il suono che esce è una specie di muh di una mucca, molto basso e profondo e può essere ascoltato fino a chilometri di distanza. Ho capito: devo prolungarlo per farlo arrivare ancora più lontano. Muisssh... adesso da quella conchiglia sembra uscire il muggito di cento mucche messe insieme...

 

 

...Vicino alle tende, pascolano mille cavalli con le corna e un codino buffo, piegato all'insù. "Papà, papà, che cavalli strani!". "Non sono cavalli, sono renne". "Bellissime, e chi c'è nelle tende?". "Sono gli Uomini renna. pensa, Salik, loro procurano il cibo alle renne, portandole nelle zone dove l'erba è più buona. E le renne procurano il cibo agli uomini, con il loro latte. Così vivono insieme e si vogliono molto bene"...

 

 

...Improvvisamente i duellanti cambiano sembianze e diventano come due lottatori della steppa. Papà prende l'aspetto di un uomo agile, veloce e molto furbo; Karaburan è un lottatore gigantesco, pieno di muscoli, dalla forza eccezionale. Il vincitore diventerà Arvaga, il titano dei venti...

 

 

Con Salik, iI vento della Mongolia 

entra nelle scuole elementari italiane

7 maggio 2006 - La Mongolia affascina anche i bambini italiani. Giovedì 11 maggio gli alunni della scuola elementare di Buccinigo (Como), nell'ambito del progetto "Leggere per..." incontreranno l'autore Federico Pistone e l'illustratore Cristiano Lissoni del racconto "Salik, il piccolo vento della steppa" . L'incontro si terrà nella libreria Colombre di Erba. Sono gli stessi allievi, che nel corso dell'anno hanno raccolto materiale ed eseguito ricerche sulla Mongolia, a descrivere l'incontro: "Noi, bambini, speriamo che Federico ci racconti della Mongolia, perché con il suo libro ci ha fatto nascere tante curiosità e tante domande, ad esempio: "Esiste il riposo dei venti?". Un altro nostro desiderio è che Cristiano risponda ai nostri perché con i colori e disegni. Ci aspettiamo un incontro speciale che, anche solo per un'ora, ci trasporti in una terra magica e per noi misteriosa come la Mongolia".

 

Salik, il piccolo vento della steppa

diventa una favola musicale

25 marzo 2006 - Scritto e ideato da Federico Pistone e illustrato da Cristiano Lissoni, il racconto "Salik, il piccolo vento della steppa" (pubblicato da Hablò nel 2005) ha ispirato una favola musicale che debutta sabato 8 aprile 2006 a Lecco (ore 16 Sala Ticozzi). La storia, divertente e commovente, è quella di un piccolo vento che soffia nella steppa e nel deserto della Mongolia: è un po' dispettoso e pasticcione ma riuscirà a diventare un vero eroe grazie all'amicizia di un bambino, di un cavallo e di un'aquila.  Le musiche sono di Alessandro Cadario, autore anche per L'Albero azzurro della Rai, la voce recitante è di Enrico De Meo. L'orchestra, la Ensemble Calliope, è composta da Gianni Biocotino (Flauto), Gian Marco Solarolo (oboe), Antonio Labollita (clarinetto), Alfredo Pedretti (corno), Leonardo Dosso (fagotto). L'iniziativa rientra nel programma "Pomeriggi da favola" organizzato dall'associazione musicale Mikrokosmos, Associazione Culturale Albero Blu, amministrazione provinciale e comune di Lecco, con il contributo della Fondazione Cariplo. Nello stesso pomeriggio di sabato 8 aprile, prima di "Salik", andrà in scena "Pierino e il lupo" di Prokofiev, trascrizione per il quintetto di fiati di R. Ostermeyer.